Phelipanche ramosa (L.) Pomel




OROBANCHACEAE Vent.
Lamiales Bromhead
Asteranae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Clicca qui / Click here


© Luigi Rignanese
by Luigi Rignanese





Fonte / Source:
Portale della Flora d'Italia / Portal to the Flora of Italy
http://dryades.units.it/floritaly



Syn.: Phelipanche ramosa (L.) Pomel s.l. - Il succiamele ramoso è una pianta annua a vasta distribuzione paleotemperata, presente in diverse regioni d'Italia ma in passato spesso confusa con specie affini. Nel territorio euganeo non è molto diffusa, è presente soprattutto sul M. Venda, M. Ceva e sui rilievi attorno Baone. Cresce come parassita, soprattutto su piante coltivate, ma a volte anche su piante spontanee su cigli erbosi di strade e nei prati, al di sotto della fascia montana. La pianta è debolmente velenosa per la presenza di aucubina ed è priva di clorofilla, ricavando tutta l’energia dalle radici delle piante ospiti. Il nome generico, dal greco 'orobos' (una Fabacea) e 'anchone' (strangolare, soffocare), allude al parassitismo di tutte le specie. Forma biologica: terofita parassita. Periodo di fioritura: maggio-agosto.



Nome italiano: Lamione d' la canva (Emilia-Romagna, Bologna), Lamione della canape (Toscana, Val di Chiana), Lupa (Veneto, Trento), Lupicedda turchina (Sicilia, Avola), Murbein (Emilia-Romagna, Reggio), Orobanche ramosa (Italia), Ortiga d' la canva (Emilia-Romagna, Bologna), Scalogna (Emilia-Romagna, Reggio), Succiamele piccolo (Toscana, Pisa, Scandicci), Succiamele ramoso (Italia), Succiamele ramoso (Italia)





© Hippolyte Coste - Flore descriptive et illustrée de la France, de la Corse et des contrées limitrophes, 1901-1906 - Public domain - copyright expired.



© Luigi Rignanese
by Luigi Rignanese
Italia,



© Luigi Rignanese
by Luigi Rignanese
Italia,