Allium pallens L.




AMARYLLIDACEAE J.St.-Hil.
Asparagales Link
Lilianae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Clicca qui / Click here


© Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Trieste
by © Luigi Rignanese, © Hortus Botanicus Catinensis - Herb. Sheet 007854





Fonte / Source:
Portale della Flora d'Italia / Portal to the Flora of Italy
http://dryades.units.it/floritaly



L'aglio pallido, o aglio di Coppoler, è una specie a gravitazione mediterranea, presente in quasi tutte le regioni dell'Italia centro-meridionale, in Veneto e in Friuli. Nel territorio euganeo è abbastanza rara: si trova nei siti più caldi tra Baone ed Arquà Petrarca, spingendosi fino ai versanti meridionali del M. Lozzo. Cresce in ambienti aridi, pendii assolati, vigneti, dal livello del mare alla fascia subalpina. Le cellule intatte di tutti gli Allium contengono alliina, un amminoacido inodore che per azione dell'enzima alliinasi, liberantesi con la rottura del bulbo, si trasforma in allicina, composto fortemente odoroso; tutte le specie di Allium possiedono diverse proprietà medicinali; bulbi e foglie sono commestibili. Il nome generico, già in uso presso i Romani, deriva da una radice indoeuropea che significa 'caldo', 'bruciante', per l'odore e sapore pungenti dei bulbi; il nome specifico deriva dal latino 'pàlleo', impallidisco, e quindi significa 'scolorito, chiaro'. Forma biologica: geofita bulbosa. Periodo di fioritura: giugno-luglio.



Nome italiano: Aglio di Coppoler (Italia), Aglio pallido (Italia)





© Hortus Botanicus Catinensis - Herb. Sheet 007854



© Luigi Rignanese
by Luigi Rignanese



© Luigi Rignanese
by Luigi Rignanese