Alchemilla alpigena Buser ex Hegi




ROSACEAE Juss.
Rosales Bercht. & J.Presl
Rosanae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Clicca qui / Click here


by © Teun Spaans, © Hortus Botanicus Catinensis - Herb. sheet 031748





Fonte / Source:
Portale della Flora d'Italia / Portal to the Flora of Italy
http://dryades.units.it/floritaly



La ventaglina alpigena, che appartiene ad un difficilissimo complesso di specie apomittiche (in cui l'embrione si forma senza fecondazione, originando cloni geneticamente identici alla pianta madre), è presente con certezza sulle Alpi occidentali, sull’Appennino settentrionale e sui monti del Molise. La sua effettiva presenza nella flora regionale necessita di ulteriori conferme. Cresce in prati umidi, lungo ruscelli e nei pressi di sorgenti, a volte presso le malghe. Il nome generico allude all'antico uso di questa pianta da parte degli alchimisti: in realtà non veniva usata la pianta, ma le minute goccioline di rugiada che si formano sulle foglie per il fenomeno della guttazione, che venivano raccolte e costituivano la cosiddetta 'acqua celestiale' o 'acqua dei saggi'. Forma biologica: emicriptofita rosulata. Periodo di fioritura: maggio-agosto. Syn.: Alchemilla plicatula Gand. sensu Rothm. Riportata come abbondante nell’area del Monte Canin, ma l'effettiva presenza nel Parco necessita di conferma.



Nome italiano: Alchemilla alpigena (Italia)





© Teun Spaans Wikimedia Commons - Multi-license with GFDL and Creative Commons CC-BY 2.5
by Teun Spaans



© Hortus Botanicus Catinensis - Herb. sheet 031748