Daphne gnidium L.




THYMELAEACEAE Juss.
Malvales Juss. ex Bercht. & J.Presl
Rosanae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Clicca qui / Click here


© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Luis Maria Ferrero, Andrea Moro

Distributed under CC BY-SA 4.0 license.





Fonte / Source:
Portale della Flora d'Italia / Portal to the Flora of Italy
http://dryades.units.it/floritaly



La dafne gnidio è una specie a distribuzione stenomediterraneo-macaronesica presente in Liguria, in Toscana e in tutte le regioni dell’Italia meridionale e insulare. Cresce nelle macchie mediterranee. Si rinviene sporadicamente nella fascia esterna degli stagni temporanei sardi a contatto con la macchia mediterranea e la gariga. È una delle piante tintorie più utilizzate in Sardegna, in particolare per la tintura dell’orbace; si usano le foglie o i rami, a seconda del periodo in cui si effettua la raccolta e a seconda del colore che si vuole ottenere: la gradazione va dal giallo tenue al giallo scuro, al marrone, al verde e al nero. La pianta, per le sue proprietà antisettiche, veniva usata anche per disinfettare e conservare la lana. Le dafne sono note fin dall'antichità per le loro qualità farmacologiche, ma il loro uso è molto pericoloso e spesso il solo contatto con l'epidermide causa arrossamenti e vesciche sulla pelle. Il nome generico deriva da 'dàphne' nome greco dell'alloro; il nome specifico deriva da Cnido, antica citta greca dell’Anatolia (in latino Cnidus, in greco antico Knídos), l’attuale Cumali. Forma biologica: fanerofita cespugliosa. Periodo di fioritura: luglio-settembre.



Nome italiano: Camelea (Calabria), Cecavocchioli mascoli (Campania, Ischia), Cocco cnidio (Toscana), Cocco gnidio (Toscana), Coccognidio (Puglia, Lecce, Otranto), Dafne gnidio (Italia), Dittinella (antichi), Erba corsa (Toscana), Erva zasa (Sicilia), Garoup (Liguria, Nizza), Isculapadeddas (Sardegna, Sassari), Lassa (Liguria, Barassi), Latticugno (Calabria), Ligni prischi (Campania, Capri), Mardvana (Liguria, Zinola), Mazza pei vescicanti (Campania, Pozzuoli), Mucchitiello (Puglia, Barletta), Olivastra (Roma), Olivella (antichi), Paparia (Puglia, Lecce, Otranto), Pepe di montagna (Roma), Pepe montano (Toscana), Piperea (Puglia, Lecce, Otranto), Puparia (Puglia, Lecce, Otranto), Pupiraglia (Puglia, Lecce, Otranto), Pupirata (Puglia, Lecce, Otranto), Pupirea (Puglia, Lecce, Otranto), Purpuraglia (Puglia, Lecce, Otranto), Scolapadeddas (Sardegna, Sassari), Scorza di vescicanti (Campania, Terra di Lavoro), Spezzi sarvaggiu (Sicilia), Tasso (Calabria), Timelea (Toscana), Trobiscu (Sardegna), Truiscu (Sardegna, Cagliari), Truvusciu (Sardegna), Truvuzu (Sardegna), Tueisegue (Liguria, Nizza), Unchiamano (Calabria), Vaccinia (Calabria), Varacu (Sicilia, Mirto), Varagu (Liguria, San Remo), Varego (Liguria, Porto Maurizio), Varighina (Liguria, Camporosso), Varracchieddu (Sicilia, Modica), Varracheddu (Sicilia, Avola), Varrau (Sicilia), Varricu (Sicilia, Modica), Viperea (Puglia, Lecce, Otranto), Zasa (Sicilia), Zaza (Sicilia), (Toscana)





© Luis Maria Ferrero - Madrid
by Luis Maria Ferrero - Madrid



© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Comune di Isola del Giglio, Poggio della Chiusa. , GR, Toscana, Italia, 16/05/2006
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Comune di Isola del Giglio, Poggio della Chiusa. , GR, Toscana, Italia, 16/05/2006
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Comune di Isola del Giglio, Poggio della Chiusa. , GR, Toscana, Italia, 16/05/2006
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Luis Maria Ferrero - Madrid
by Luis Maria Ferrero - Madrid



© Luis Maria Ferrero - Madrid
by Luis Maria Ferrero - Madrid



© Luis Maria Ferrero - Madrid
by Luis Maria Ferrero - Madrid



© Luis Maria Ferrero - Madrid
by Luis Maria Ferrero - Madrid



© Hippolyte Coste - Flore descriptive et illustrée de la France, de la Corse et des contrées limitrophes, 1901-1906 - Public domain - copyright expired



© Hortus Botanicus Catinensis - Herb. sheet 030965



© Remo Bernardello
by Remo Bernardello
Riviera di Levante, Liguria, Italia,



© Remo Bernardello
by Remo Bernardello
Riviera di Levante, Liguria, Italia,