Asperula taurina L. subsp. taurina




RUBIACEAE Juss.
Gentianales Juss. ex Bercht. & J.Presl
Asteranae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Clicca qui / Click here


by © Fabrizio Marastoni





Fonte / Source:
Portale della Flora d'Italia / Portal to the Flora of Italy
http://dryades.units.it/floritaly



La stellina cruciata è una specie delle montagne dell'Europa meridionale e dell'Asia sudoccidentale presente in tutte le regioni dell'Italia continentale, dalle pendici meridionali delle Alpi sino alla Sila. La distribuzione regionale è di tipo prealpico-carsico, ma la specie manca completamente nel Carso triestino. Cresce in faggete e boschi misti di latifoglie decidue, con optimum nelle fasce submediterranea e montana. Il nome generico è un diminutivo femminile del latino 'asper' (aspro, scabro, rugoso) con il quale in antichità venivano designate piante come Galium aparine, caratterizzate da fusti e foglie ruvidissimi al tatto; il nome specifico potrebbe derivare dal latino 'Taurīnus' (dei Taurini, popolazione della Gallia Cisalpina, odierno Piemonte). Forma biologica: geofita rizomatosa. Periodo di fioritura: maggio-luglio. Estremamente rara nel Parco, sui versanti meridionali della Cima di Campo.



Nome italiano: Asperula taurina (Italia), Crucifera (antichi), Stellina cruciata (Italia), Vaniglia salvadega (Lombardia, Como)





© Fabrizio Marastoni
Collina di Monte Parma., Emilia Romagna, Italia, 20/04/2008



© Fabrizio Marastoni
Collina di Monte Parma., Emilia - Romagna, Italia, 20/04/2008



© Fabrizio Marastoni
Collina di Monte Parma., Emilia - Romagna, Italia, 20/04/2008



© Fabrizio Marastoni
Collina di Monte Parma., Emilia - Romagna, Italia, 20/04/2008



© Lorenzo Peruzzi - Dipartimento di Biologia, Università di Pisa
Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Italy, 23/05/2016



© Franco Barbadoro - Source: http://www.catria.net/Erbario.html
by Franco Barbadoro



© Franco Barbadoro - Source: http://www.catria.net/Erbario.html
by Franco Barbadoro



© Franco Barbadoro - Source: http://www.catria.net/Erbario.html
by Franco Barbadoro