Hieracium saxatile Jacq. subsp. saxatile




ASTERACEAE Bercht. & J.Presl
Asterales Link
Asteranae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Clicca qui / Click here


© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro

Distributed under CC BY-SA 4.0 license.





Fonte / Source:
Portale della Flora d'Italia / Portal to the Flora of Italy
http://dryades.units.it/floritaly



Specie endemica delle Alpi, nota solo per la Lombardia e poche località della regione di cui tre nel Carso: M. Spaccato, M. Sabotino e bassa Val Rosandra. La specie - che può essere confusa con H. glaucum e H. illyricum - è più frequente nel medio corso dell'Isonzo e sui ciglioni del Carso interno (Selva di Tarnova, M. Nanos). Cresce in siti rupestri soleggiati e ai margini di boscaglie rade e luminose, su suoli calcarei primitivi.



Nome italiano: Ieracio dei sassi (Italia), Sparviere dei sassi (Italia)





© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Piana dell'Isonzo, nei pressi di Tolmino., Slovenia, 30/10/05
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Piana dell'Isonzo, nei pressi di Tolmino., Slovenia, 30/10/05
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Piana dell'Isonzo, nei pressi di Tolmino., Slovenia, 30/10/05
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Piana dell'Isonzo, nei pressi di Tolmino., Slovenia, 30/10/05
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.