Seseli annuum L. subsp. annuum




APIACEAE Lindl.
Apiales Nakai
Asteranae Takht.
Magnoliidae Novák ex Takht.

Clicca qui / Click here


by Stefan.lefnaer, Wikimedia Commons, Andrea Moro

Distributed under CC BY-SA 4.0 license.





Fonte / Source:
Portale della Flora d'Italia / Portal to the Flora of Italy
http://dryades.units.it/floritaly



La finocchiella annua è una specie a distribuzione submediterraneo-pontica, presente, con due sottospecie, nelle regioni dell’Italia settentrionale. La distribuzione regionale, di tipo alpico-carsico, si estende anche all’alta pianura friulana; in Carso la specie si concentra nell'Isontino, con poche stazioni nel Triestino. Nella città di Udine la specie è poco diffusa e si concentra nel Parco del Cormor e nelle porzioni sudoccidentale e sudorientale della periferia esterna. Cresce in prati aridi e lande, su suoli argillosi piuttosto profondi, sciolti, da neutri a subacidi, aridi d'estate, da 300 a 2100 m circa. Il nome generico deriva dal greco 'seseli', forse di origine egiziana, una pianta che entrava nella composizione della triaca, rimedio contro i morsi di serpi e scorpioni; il nome specifico si riferisce al breve ciclo vitale della pianta, che comunque è normalmente bienne. Forma biologica: emicriptofita bienne. Periodo di fioritura: luglio-settembre.



Nome italiano: Finocchiella annua (Italia), Finocchiella effimera (Italia), Seseli annuo (Italia), Tragoselino (antichi)





© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Senosecchia, Slovenia, 30/4/04 0.00.00
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Dipartimento di Scienze della Vita, Università degli Studi di Trieste
by Andrea Moro
Comune di Ovaro, sotto il Monte Farchianon., UD, FVG, Italia, 22/2/05 0.00.00
Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



by © Hippolyte Coste, Andrea Moro

Distributed under CC-BY-SA 4.0 license.



© Hippolyte Coste - Flore descriptive et illustrée de la France, de la Corse et des contrées limitrophes, 1901-1906 – Public domain - copyright expired.



by Stefan.lefnaer (own work) – Wikimedia Commons – CC BY-SA 3.0 unported